Conservare le banane più a lungo è una vera sfida… tranne che con questo consiglio.

A pochi centesimi l’una, la banana è un frutto economico e nutriente. Sarebbe un vero peccato farne a meno! Unico problema: tendono ad annerirsi e ad ammorbidirsi in poco tempo, condannandoli a finire nella spazzatura o trasformati in deliziosi banana bread, l’ultimo ma molto calorico consiglio per dare loro una seconda vita.

Ma perché le banane diventano nere così velocemente? Come le mele e i kiwi, le banane sono i cosiddetti frutti “climaterici”. Ciò significa che continuano a maturare dopo il raccolto grazie all’etilene che rilasciano una volta raccolte. Per evitare che le tue banane finiscano prematuramente in un triste stato, devi cercare di rallentare la produzione di questo gas. I consigli classici, come scegliere le banane non troppo mature o ancora verdi, e conservarle a temperatura ambiente anziché metterle in frigorifero, sono ben noti a tutti.

Esiste anche un modo sorprendentemente semplice ed economico per prolungare la vita delle tue banane, permettendoti di conservarle per 10-15 giorni. Quando torni a casa dalla spesa, prendi un bicchiere d’acqua e immergici i gambi delle banane, facendo attenzione a tenerli capovolti, a testa in giù. E questo è tutto ! Il risultato è sorprendente: dieci giorni dopo, le banane saranno mature e avranno ovviamente qualche macchia marrone, ma non saranno morbide o completamente nere.

Come mostra questo video di TikTok, inserendo i gambi nell’acqua, si riesce a rallentare il processo di maturazione dei frutti riducendo la quantità di etilene da essi emessa. Gli utenti condividono anche un altro metodo basato sullo stesso principio: rallentare la produzione di etilene delle banane, evitando così il loro annerimento prematuro. Avvolgi semplicemente gli steli di banana in un foglio di alluminio o pellicola trasparente.