Scarafaggi: 11 consigli per sbarazzarsene

Scarafaggi: 11 consigli per sbarazzarsene

“Mamma, papà, c’è un grosso scarafaggio in cucina, in bagno, sotto il mio letto…!” » Stanco di sentire sempre questo ritornello? Ok, forse è ora di attaccare, giusto? Hai provato di tutto, ma non funziona niente, gli scarafaggi tornano sempre? Non sono sicuro che i tuoi metodi siano ben mirati. E se cercassi soluzioni per vietarli? Ti suggeriamo di provare i nostri consigli.

Che tipi di scarafaggi troverai in casa?

Ai tuoi occhi sembrano tutti uguali. Gli scarafaggi rappresentano questa minaccia alla tranquillità e all’igiene della tua casa! Siamo totalmente d’accordo. Ma dovresti comunque sapere che esistono diverse specie di scarafaggi che differiscono per dimensioni, forma e comportamento. Sarebbe interessante identificare meglio questi insetti che infestano la tua casa, vero? La forma di riproduzione, il comportamento delle colonie, tra gli altri fattori, dipendono quindi dalle specie di scarafaggi che invadono la tua casa. Inoltre, per quanto riguarda la disinfestazione, i professionisti cercano innanzitutto di identificarli per liquidare l’eventuale presenza di uova o larve in modo da eliminare il problema.

– Scarafaggio americano

È una delle specie più conosciute e diffuse sulla terra. Questo scarafaggio si distingue soprattutto per le sue dimensioni, infatti è molto più grande ed imponente di quelli che solitamente invadono le case. La sua capacità riproduttiva è elevata: ogni esemplare femmina può avere fino a 150 piccoli di blatta all’anno. Quello chiamato anche “scarafaggio di fogna”, ha una particolare predilezione per i luoghi caldi e umidi. Non c’è da stupirsi che scelga di investire in fogne, condotte di riscaldamento o scantinati, anche se preferisce creare il suo nido fuori dalle case o dalle aziende. Questo scarafaggio ha l’abitudine di entrare nelle case attraverso le fogne, usando le ali per scivolare su superfici elevate. E poiché è molto veloce, non è facile liberarsene!

– Scarafaggio tedesco

Molto facile da riconoscere, a differenza della blatta americana, la blatta tedesca guarda all’interno degli edifici per allestire il nido, in particolare nelle zone vicine alla dispensa per avere più facile accesso al cibo. Come riconoscere questa specie? Si tratta di uno scarafaggio molto piccolo che non supera il centimetro e mezzo (anche negli esemplari adulti). Il suo colore varia dal marrone chiaro al giallo scuro. Noterai che è dotato di ali, ma non è una specie caratterizzata dal volo. Il grande svantaggio: la sua riproduzione è vertiginosa, può deporre fino a 160 uova all’anno. Come rintracciarlo? Installa spesso il nido nelle fessure, in prossimità dei motori degli elettrodomestici o nei controsoffitti. E questo scarafaggio preferisce nutrirsi di zucchero, grassi o cibo in decomposizione, motivo per cui è costantemente in agguato vicino ai bidoni della spazzatura.

– Blatte orientale

Si tratta di un tipo di scarafaggio di grandi dimensioni, praticamente nero, che negli esemplari adulti raggiunge i 2,5 centimetri di lunghezza. Non è chiamato scarafaggio volante, anche se i maschi hanno le ali e spesso entrano negli edifici attraverso tubi o fessure. Un tratto molto distintivo? Rispetto agli altri, lo scarafaggio orientale emana un odore forte e molto sgradevole a causa dei batteri che vivono nel suo corpo e che, è bene precisarlo, possono trasmettersi all’uomo o agli animali domestici. Dove possiamo trovarlo? Si nasconde in scantinati, luoghi umidi e bui, anche se tende a nidificare all’aperto, nelle siepi o nei tronchi degli alberi.

– Scarafaggio dalla fascia marrone

Tra le tipologie di piccole blatte troviamo anche la blatta fasciata bruna (Supella Longipalpa) che ha abitudini e caratteristiche piuttosto sorprendenti. Innanzitutto vive solo in ambienti chiusi e la sua capacità riproduttiva è molto lenta, motivo per cui è molto meno comune rispetto ad altre specie. Questo scarafaggio misura circa 1,5 cm e depone un massimo di 16 uova per periodo riproduttivo. Morfologicamente si presenta di colore bruno chiaro con una serie di fasce dai toni giallastri sul dorso. Per crescere e riprodursi ha bisogno di calore. E, anche se teme l’acqua, è abituato a sistemarsi in cucina. Detto questo, questo scarafaggio preferisce chiaramente nutrirsi di carta, libri, tessuti per tende e altri oggetti simili.

Cosa attira gli scarafaggi in casa?

Ecco le fonti di attrazione di cui tenere conto per metterle al meglio in sicurezza:

– Cibo

Uno scarafaggio sul cibo

Quindi non è un mistero, sapete già che la maggior parte degli scarafaggi è costantemente alla ricerca di cibo per sopravvivere. E, naturalmente, non è quello che ti stai perdendo! Peggio ancora, anche la spazzatura o le briciole più piccole servono da festa per questi insetti. Quindi non dovremmo sorprenderci se continuano a venire e a restare in giro. La cosa migliore da fare è sigillare accuratamente tutti gli alimenti nella dispensa, svuotare frequentemente la spazzatura e aspirare tutte le briciole su pavimenti, tavoli e banconi. Puntate soprattutto su contenitori ermetici per proteggere il vostro cibo.

Nota: stranamente, gli scarafaggi mangiano anche alcune sostanze inaspettate come capelli, sapone e dentifricio. Quindi non c’è nessun segreto, la cosa migliore sarebbe pulire meticolosamente la casa per togliere il tappeto sotto i piedi.

– Perdite d’acqua

L’acqua è un’altra risorsa vitale per gli scarafaggi all’interno della tua casa. Quindi, se hai tubi che perdono, aree in cui l’acqua si raccoglie o gocciola (sotto i lavandini o negli scantinati), ora è il momento di ripararli. Per scacciare gli scarafaggi ricordatevi di eliminare velocemente le perdite. Sostituisci i rubinetti e ripara tutti gli angoli in cui l’acqua esterna può entrare nella tua casa, soprattutto attraverso la finestra o il tetto. Un consiglio veloce: se il seminterrato è umido, prova a utilizzare un deumidificatore o una pompa di raccolta.

– Luoghi nascosti

Probabilmente avrai notato che è soprattutto la sera che gli scarafaggi si scatenano, vero? E non a caso, durante il giorno, hanno l’arte di nascondersi bene. Inoltre, si mimetizzano volentieri nelle zone buie, soprattutto dietro pile di scatole di cartone, sotto giornali e altri oggetti disordinati. Questi sono i nascondigli ideali per gli scarafaggi. Sii più intelligente e sbarazzati di tutti questi potenziali nascondigli. Perché non riciclare tutte le tue scatole invece di ammucchiarle a casa?

– Punti di ingresso

Uno scarafaggio che torna a casa

Eh sì, non gli sfugge nulla, possono infilarsi nel più piccolo buchino che trovano. Quindi chiudere quanti più punti di ingresso possibile: coprire in particolare la fessura tra il fondo di una porta e il terreno e sigillare i buchi nelle fondazioni.

– Fogliame esterno

Gli esperti consigliano inoltre di mantenere pulite le grondaie e di rimuovere eventuali foglie che pendono dalla casa. Ad esempio, non aggiungere pacciame quando non è necessario.

Come sbarazzarsi degli scarafaggi in casa?

Ok, ora mettiamoci al lavoro! Se stai cercando consigli per sbarazzarti finalmente di quegli scarafaggi, abbiamo le soluzioni di cui hai bisogno. E potrai scegliere tra metodi naturali o chimici per debellare questi parassiti. Sta a te vedere cosa ti si addice meglio!

Elimina gli scarafaggi con punte naturali

Ma sì, esistono una serie di rimedi casalinghi in grado di eliminare questi insetti. E il grande vantaggio è che la maggior parte di essi non è dannosa per i bambini o gli animali domestici. Sicuramente vale la pena provarli!

1. Borace

Polvere di acido borico

Probabilmente ne hai già qualcuno a casa. Ma quello che non sapevi è che questo prodotto per il bucato è ottimo per uccidere gli scarafaggi. E per ottenere i migliori risultati, non c’è niente come combinare parti uguali di borace e zucchero. Versate questo composto ovunque vedete passare gli scarafaggi. Attratti dallo zucchero, gli scarafaggi ne saranno irresistibilmente attratti, ma una volta ingerito il borace si disidrateranno rapidamente… e potrai dire addio a loro!

2. Acido borico

Polvere di acido borico

L’acido borico è un veleno per lo stomaco a cui gli scarafaggi non hanno resistenza. Allora come raggiungi il tuo obiettivo? Questa volta mescolare il prodotto con parti uguali di zucchero e acqua. Versa la soluzione in un barattolo aperto che posizionerai dove passano questi parassiti. Una volta che gli scarafaggi avranno consumato la miscela, verranno spazzati via.

NB: se non hai l’acido borico a portata di mano, il borace farà al caso tuo.

3. Terra di diatomee

Terra di diatomee

La farina fossile è un agente abrasivo da stendere sulle superfici frequentate dagli scarafaggi. Quindi si attacca all’esoscheletro, provocando un’essiccazione latente. Simile all’acido borico, questa opzione è lenta, ma formidabile contro gli scarafaggi. Ma non te ne serve troppo. Molte persone non sempre lo applicano correttamente!

Importante: si sconsiglia l’uso di bombe insetticide. La nebbia spesso non penetra nei piccoli spazi e nelle fessure dove solitamente si nascondono gli scarafaggi. Inoltre, col tempo, alcune specie diventano resistenti ad alcuni insetticidi presenti come i piretroidi.

4. Bicarbonato di sodio

Una ciotola di bicarbonato di sodio

È un prezioso alleato quotidiano, sotto molti aspetti, ma il bicarbonato ha più di un asso nella manica. Sì, scopri che puoi facilmente aggiungere questa sostanza domestica al tuo arsenale di controllo dei parassiti. La sua consistenza polverosa si sposa molto bene con quella dello zucchero. Quindi, se mescoli i due, gli scarafaggi non vedranno altro che fuoco. E subito, una volta ingoiato il bicarbonato, se consumano contemporaneamente acqua, le loro viscere si gonfiano e si espandono, il che finisce per ucciderli.

NB : tuttavia, il bicarbonato di sodio da solo non è efficace quanto l’acido borico. Ma puoi combinarli per un risultato più ottimale.

5. Oli essenziali

Gli oli essenziali possono essere molto utili se hai a che fare con alcuni scarafaggi che entrano in casa dall’esterno. Quindi, puoi fare uno spray con almeno il 2,5% di olio essenziale mescolato con acqua, quindi spruzzarlo intorno alle aree in cui gli scarafaggi potrebbero facilmente entrare. Quali sono gli oli più adatti? Concentrati sugli aromi di eucalipto, origano e lavanda.

6. Schiaccialo

Schiaccia uno scarafaggio

Sì, non è il tuo modo preferito, soprattutto perché la maggior parte delle persone salta e non osa nemmeno avvicinarsi. Ma se sono scarafaggi piccoli, meno spaventosi di quelli grandi, puoi facilmente calpestarli. Dì a te stesso che è già uno scarafaggio in meno da eliminare! E ricorda: dopo averlo schiacciato, disinfetta la zona con un detergente antibatterico per evitare di diffondere eventuali agenti patogeni che lo scarafaggio potrebbe aver portato.

NB: vai avanti, non aver paura di calpestarlo e rilasciare le uova. Se disinfettate attentamente i locali non ci saranno problemi.

Eliminare gli scarafaggi con metodi chimici

lCerchi consigli basati su prodotti chimici per risolvere il tuo problema di scarafaggi a casa? Ecco alcuni modi per sbarazzarsene.

1. Un regolatore della crescita degli insetti

Se hai scarafaggi domestici in casa o sospetti che si riproducano in massa, un regolatore della crescita degli insetti (IGR) sarebbe il benvenuto per controllare l’infestazione. È disponibile in una varietà di formulazioni, inclusi spray con piriprossifene, un potente insetticida. Sebbene questi regolatori possano rappresentare una misura di controllo efficace, è meglio utilizzarli insieme a prodotti che elimineranno efficacemente gli scarafaggi adulti, comprese esche, trappole e concentrati liquidi.

2. Una siringa con esca in gel

Perché la siringa ti sarà di grande aiuto? Perché i prodotti a base di gel potranno raggiungere più facilmente alcune zone difficili da raggiungere. È sempre meglio coprire più aree affinché gli scarafaggi possano muoversi verso l’esca. Inoltre, sarebbe una buona idea applicare piccole macchie di gel nelle zone in cui gli scarafaggi entrano ed escono per nutrirsi, soprattutto negli angoli, sotto i mobili, vicino a fessure e bordi. Tieni presente che le esche possono impiegare da uno a tre giorni per uccidere questi parassiti, il che dà loro il tempo di infettare potenzialmente altri scarafaggi contemporaneamente.

3. Veleno e trappole per scarafaggi

Il veleno per scarafaggi e le trappole per scarafaggi sono facili da trovare nei negozi e nei negozi specializzati. Molto spesso hanno effetto immediato.

4. Incollare le strisce

Sapevi che è la soluzione più sicura e interessante per eliminare gli scarafaggi? Queste strisce di colla si presentano sotto forma di fogli o tubi rivestiti con una sostanza appiccicosa. Ciò che è notevole è che catturano questi insetti in uno o due giorni al massimo. Certo, questo suggerimento non funzionerà se hai una grande infestazione, ma almeno ti dirà quanto sia serio il problema. Se noti che queste strisce afferrano un gruppo di scarafaggi, senza dubbio hai un’invasione in casa. In tal caso, l’aiuto professionale non sarebbe un lusso.

5. Assumi un professionista

A proposito di esperti, se avete provato vari metodi, ma gli scarafaggi sono ancora lì, sarebbe più saggio chiamare un professionista per eliminarli una volta per tutte. È il suo “lavoro”, saprà perfettamente come localizzarli e bandirli definitivamente da casa tua.

Come prevenire l’invasione degli scarafaggi in casa?

Non si tratta solo di acquisire i migliori metodi di sterminio. L’idea, a monte, sarebbe soprattutto quella di anticipare una possibile invasione e scongiurare una presenza massiccia di scarafaggi in casa. Sì, al tuo livello ci sono delle precauzioni da prendere. Seguire il leader !

1. Ispeziona i tuoi articoli

Ricorda che le scatole di immagazzinaggio, gli imballaggi e persino i sacchetti della spesa possono ospitare scarafaggi in cerca di un nuovo habitat. In altre parole, ogni volta che porti degli scatoloni in casa, dal garage o da qualsiasi deposito, ispezionali attentamente. Controlla anche tutti i sacchetti del supermercato e gli imballaggi di carta (o cartone) subito dopo averli portati all’interno. E sbarazzati rapidamente di tutti quei materiali di imballaggio che potrebbero nascondere questi parassiti indesiderati.

2. Mantieni la tua casa pulita

Pulisci il tavolo della cucina

Lo ripetiamo ancora e ancora: più la casa è pulita, meno gli scarafaggi saranno tentati di restarci. Ricorda che possono sopravvivere con una quantità minima di cibo e acqua. Sì, spesso basta un mucchietto di briciole e qualche goccia d’acqua per la loro sopravvivenza. Pertanto, la pulizia deve essere eseguita in modo molto meticoloso! Le buone pratiche di pulizia, sia all’interno che all’esterno, svolgono un ruolo chiave nella prevenzione. Quindi sì, richiede un certo sforzo da parte tua, ma dì a te stesso che ne vale la pena. Ad esempio, per evitare un’infestazione, la cucina deve essere sempre pulita. Non lasciare mai gli avanzi di cibo in soggiorno e nelle camere da letto. Pulisci bene i bagni e passa regolarmente l’aspirapolvere per rimuovere i sacchi di uova e alcune parti del corpo degli scarafaggi. Infine è consigliata anche una pulizia frequente delle superfici contaminate da questi insetti.

3. Prevenzione in cucina

Di notte, mentre dormi, gli scarafaggi banchettano in cucina. Perché, anche quando è relativamente pulito, si intrufolano nei bidoni della spazzatura, nei banconi, nei lavandini e nelle tubature alla ricerca di qualche residuo di cibo. Lasciare quindi il lavandino pieno di piatti sporchi è come offrire loro un buffet a volontà! Dato che gli scarafaggi sono animali notturni, è fondamentale eliminare ogni fonte di cibo prima di andare a letto. Vai un po’ oltre: lava le posate, mantieni il lavandino pulito e asciutto, pulisci i ripiani con spray disinfettante, non lasciare che il pavimento si sporchi e svuota la spazzatura. Eh sì, ricordati anche di pulire i residui di grasso all’interno e attorno agli elettrodomestici. Infine, ogni notte passa l’aspirapolvere sul pavimento della cucina per evitare che le briciole li attirino.

4. Limitare i pasti a una stanza

Logicamente parlando, se gli scarafaggi prendono di mira così tanto la cucina, è semplicemente perché questa stanza è piena di cibo. Qui è dove conservi tutto il cibo. Ma attenzione, questi insetti possono infestare qualsiasi stanza della casa, comprese le camere da letto. Basta consumare i pasti in soggiorno o fare sempre un piccolo spuntino in camera per attirare le persone affamate. Quindi, cerca di restare in un unico posto per i tuoi pasti e riduci al minimo gli avanzi di cibo e bevande in diversi angoli della casa. Ciò ti farà risparmiare anche pulizie più laboriose. E affinché ciò funzioni, questa regola deve applicarsi a tutti i membri della famiglia!

5. Conservazione ottimale degli alimenti

Durante il giorno, gli scarafaggi trascorrono la maggior parte del tempo riposando in piccole fessure negli armadietti, nelle rientranze delle pareti e in altre aree buie, non lontano dalle fonti di cibo e acqua. Possono così appiattire i loro corpi per adattarsi alle aperture degli imballaggi di cartone per alimenti e dei sacchetti di plastica arrotolati. A loro piace anche sistemarsi su legno o carta. È anche possibile che questi parassiti accedano agli alimenti confezionati e scompaiano senza nemmeno essere visti. Quindi, come avrai capito, la soluzione migliore sarebbe investire in contenitori ermetici per proteggere tutto il tuo cibo (anche quello dei tuoi animali domestici).

6. Cerca i punti di ingresso

Gli scarafaggi americani spesso ottengono l’accesso alla casa dall’esterno, mentre gli scarafaggi tedeschi tipicamente entrano attraverso fessure e fessure tra le pareti delle abitazioni con più unità. Quindi l’idea sarebbe quella di trovare un modo per eliminare efficacemente questi punti di ingresso comuni, al fine di prevenire un’invasione. Per fare ciò, ti consigliamo di sigillare tutte le fessure, in particolare tra le unità attorno alle giunzioni dei tubi e alle pareti. Considera anche l’ispezione di battiscopa, tubi di servizio e vespai per individuare eventuali fori. Assicurati anche che le finestre e le porte siano sicure. Se necessario, installare una guarnizione di protezione per evitare la formazione di crepe.

7. Rimuovere i nascondigli dal pavimento

Una casa disordinata può essere un terreno fertile per le infestazioni di scarafaggi. Questo non solo rende più facile per loro nascondersi, ma rende anche più difficile per te rintracciarli. Ricorda che si nascondono facilmente in luoghi caldi e bui mentre aspettano l’ora del pasto. Quindi, assicurati di mantenere il pavimento libero da cartone, carta o altri oggetti che possano fungere da riparo. Evitate soprattutto di lasciare scatole o contenitori per il cibo (per gli animali domestici) in cucina, il loro luogo preferito.

8. Controlla l’esterno e il giardino

Questo è un punto importante: è necessario evitare che gli scarafaggi infestano l’interno. Quali misure dovrebbero essere adottate? Innanzitutto bisogna evitare di lasciare il cibo “in giro” in giardino, nel portico e in altre zone che potrebbero attirare gli scarafaggi da giardino e incoraggiarli a entrare in casa. Lasci le ciotole del cibo del tuo cane all’aperto? Ricordatevi sempre di svuotarli durante la notte. Se disponi di bidoni della spazzatura da esterno, assicurati che i loro coperchi siano ben posizionati e, soprattutto, che non si trovino vicino a una porta d’ingresso. Tieni inoltre presente che le piante e la vegetazione sono ottimi nascondigli per queste creature. La soluzione ? È semplice: rimuovi la fitta vegetazione dai muri. Tagliare erbacce, viti ed erba folta. Non piantare arbusti o fiori alti direttamente contro i muri. Inoltre, non impilare legna da ardere su portici o ponti per lunghi periodi di tempo.

FAQ

Dove si trovano i nidi di scarafaggi?

Gli scarafaggi trovano il loro habitat preferito in due condizioni principali: umidità e oscurità. Questi insetti amano le aree in cui possono trovare cibo in abbondanza, come i bidoni della spazzatura, gli avanzi di cibo nei piatti non lavati, i contenitori aperti della dispensa, ecc.
È quindi meglio iniziare l’ispezione dalla cucina, il luogo preferito in cui queste creature possono nascondersi e nutrirsi. Ma ricorda, gli scarafaggi generalmente si nascondono nei luoghi meno frequentati: negli angoli più piccoli, sotto gli elettrodomestici, negli angoli del lavandino e persino nelle fessure tra le piastrelle.

Ecco alcuni dei posti della casa dove possono esserci gli scarafaggi (e i loro nidi).

All’interno della cucina:

  • Gli angoli e le fessure degli armadi.
  • In fondo ai cassetti.
  • Nella dispensa.
  • Sotto il frigorifero o anche dietro di esso.
  • Nelle fessure e nelle fessure delle piastrelle.
  • Sotto il lavandino.
  • Dietro o sotto la lavatrice, la lavatrice e la lavastoviglie.

Nel bagno:

  • Nei controsoffitti.
  • Nelle fessure dei muri o delle piastrelle.

Altri ambienti della casa:

  • Qualsiasi crepa nei muri.
  • All’interno di scatole di carta e cartone.
  • Nel seminterrato (a causa dell’umidità).
  • Nella lavanderia.
  • Nelle tubazioni e negli scarichi.
  • Sotto mobili in legno o elementi in plastica.
  • Nelle modanature e nei battiscopa in legno.
  • Sotto porte, finestre e altre aree buie.

Qual è la differenza tra scarafaggio e scarafaggio?

Nessuno, si tratta di due nomi per descrivere lo stesso insetto.

Quali odori spaventano gli scarafaggi?

Fortunatamente, alcuni profumi li dissuadono dal restare in giro e li tengono lontani. Per tenerli a bada, scommetti sulla seguente coppia: alloro e cetriolo. Altrimenti ci sono altri repellenti naturali come l’erba gatta, il tanaceto o anche gli oli essenziali di aglio, lavanda, eucalipto o rosmarino. Posizionali vicino a porte e finestre per scoraggiarli dall’entrare in casa.

Hit enter to search or ESC to close.